Psicoterapia e Sostegno

psicoterapia

I percorsi di psicoterapia e sostegno vengono attivati a titolo privato dalle socie dell’Associazione, sia presso la sede dell’Associazione, sia nei rispettivi luoghi di lavoro.

Il Sostegno Psicologico e la Psicoterapia sono lo spazio privilegiato per chiedere un aiuto personale.

Non ci sono richieste giuste o sbagliate, migliori o peggiori… qualsiasi difficoltà merita un ascolto attento e una comprensione.

Può trattarsi di sintomi fisici apparsi all’improvviso, può trattarsi di difficoltà momentanee legate a qualche cambiamento in atto, oppure del desiderio di modificare alcuni aspetti di sé che sono fonte di disagio.

Il Sostegno Psicologico è un accompagnamento a momenti di particolare difficoltà (ad esempio a fronte di cambiamenti importanti di vita), che ha l’obiettivo di aiutare la persona a riattivare le risorse che ha già, per indirizzarle in modo più proficuo verso gli obiettivi desiderati.

Questo percorso può essere svolto da uno Psicologo.

La Psicoterapia invece è un percorso più approfondito, che aiuta la persona a modificare in modo profondo e duraturo aspetti del proprio funzionamento che sono fonte di disagio per sé o per altri.

Si tratta di un percorso evolutivo da uno stadio iniziale ad un altro più “funzionante”: un percorso preciso che si svolge grazie alla presenza e alla relazione con un terapeuta.

Il disagio spesso si presenta attraverso un SINTOMO, cioè qualcosa di estraneo a sé, che risulta essere limitante per la persona in qualche ambito (spesso anche più di uno) della propria vita.

Esempi di sintomi sono: pensieri ripetitivi ossessionanti, compulsioni (azioni rituali che non si riesce a smettere di portare avanti), fobie (paura eccessiva e irrazionale di qualcosa), ansia e attacchi di panico, disturbi del sonno, disturbi nella sfera sessuale, disturbi depressivi…

Un sintomo non nasce dal niente, bensì ci indica che l’equilibrio precedente aveva alcuni punti di vulnerabilità. Il sintomo è un modo (non buono) che l’organismo trova per riequilibrarsi, ma lo fa pagando per questo un” costo” alto.

In altre situazioni il malessere non si presenta attraverso un sintomo, ma attraverso la percezione soggettiva che alcune esperienze importanti di vita siano poco accessibili: questo stesso fatto crea scontentezza e disagio nella persona. Può trattarsi, ad esempio, del fatto di non riuscire a portare avanti le proprie posizioni in una discussione, oppure della sensazione di essere a disagio nelle relazioni troppo intime, oppure della difficoltà a sentire veramente cosa si desidera e attivare la propria progettualità in quella direzione, oppure di un senso costante di insicurezza….

Un percorso di Psicoterapia può essere svolto solo da uno Psicoterapeuta, cioè uno psicologo con una formazione successiva svolta presso una scuola di psicoterapia riconosciuta.

Esistono moltissime scuole di psicoterapia riconosciute, che hanno formato psicoterapeuti che lavorano, conseguentemente, con diversi modelli teorici e operativi: modello funzionale, psicodrammatico, psicanalitico, cognitivo-comportamentale, sistemico-relazionale, transazionale, bioenergetico, strategico….

La Psicoterapia Funzionale

La Psicoterapia Funzionale è una forma di terapia integrata, caratterizzata da una teoria specifica del rapporto mente-corpo che guarda alla complessità dell’interazione dei processi psicocorporei:

– la sfera affettiva ed emotiva (gli stati d’animo, l’umore di base)

– la sfera cognitiva ( la razionalità, la consapevolezza, i ricordi, progettualità, controllo…)

– la sfera fisiologica ( sistemi ed apparati interni, respiro…)

– la sfera motorio-posturale, sede del linguaggio del corpo ( posture, movimenti e forma del corpo)

Questo modello permette di vedere la persona nella sua interezza e farne una diagnosi precisa, per calibrare un progetto terapeutico individualizzato, che vada a riequilibrare in modo armonioso le alterazioni presenti  e soddisfare i Bisogni del Sé che concorrono al pieno benessere della persona.

Nello specifico, l’obiettivo dell’intervento terapeutico è il recupero delle Esperienze di Base carenti attraverso la mobilizzazione, la riarmonizzazione e l’integrazione delle Funzioni. L’Esperienza di Base del Sè a poco a poco si consolida, diventando patrimonio di saperi e capacità della persona. In seguito, tutte le volte che sarà necessario (o possibile o desiderato), l’individuo potrà ricorrere a queste capacità.

In questo modo la terapia è per il paziente una seconda possibilità, per recuperare le  esperienze che nel corso della vita sono state carenti, al fine di soddisfare meglio i propri bisogni e realizzare i propri progetti.

Il grande vantaggio della visione Funzionale è nel poter iniziare ad affrontare la complessità, ed intervenire su di essa agendo sui Funzionamenti di fondo, e su tutti i piani del Sé.

Le tecniche utilizzate, coinvolgendo tutte le aree del Sé, sono definibili come tecniche psico-corporee e possono prevedere, accanto al tradizionale colloquio, anche dei movimenti attivi da parte del paziente, l’utilizzo del respiro, o tecniche di contatto-massaggio.

Gli interventi proposti dalla nostra Équipe riguardano le diverse fasce d’età:  infanzia, adolescenza, età adulta e terza età.